Home

DAGLI APPENNINI ALLE HIGHLANDS

CHI SIAMO

MENU
 
LA COMPAGNIA
Statuto
Rievocatori
LE ATTIVITA'
Tessitura
Artigianato
L'ALLEANZA
Alleanza
La rivista
LE FESTE
Fotogallery
Calendario
RISORSE
Articoli
Contatti
Link

DAGLI APPENNINI ALLE HIGHLANDS
L’ associazione culturale Compagnia del Cardo e del Brugo nasce dalla passione per la cultura celto-norvegese delle Highlands di un gruppo di amici, nell’inverno del 1999 e si evolve dando vita al Gruppo di Rievocazione Storica che sceglie come propria data di nascita la festività di Imbolc 2002 (02/02/02).
In questi anni la Compagnia è cresciuta, in molti sensi: si è arricchita di nuovi membri che hanno portato la loro cultura, le loro capacità tecniche e soprattutto il loro entusiasmo ed è cresciuta perchè al suo interno sono andati facendosi sempre più saldi i legami di solidarietà e di amicizia che uniscono i membri dell’associazione.
Il nostro è ormai un Clan, nell’accezione più autentica del termine, una famiglia, retta dal forte senso di appartenenza dei suoi membri.
Ci riteniamo un’associazione giovane, in cammino, che cerca sempre nuovi stimoli per migliorarsi e progredire.
Il Gruppo Storico ha intrapreso di recente anche lo studio e la rievocazione della cultura celtoligure degli Appennini.

Dicono di noi (da www.trigallia.com)

A tutt’oggi la Compagnia del Cardo e del Brugo è il gruppo storico più numeroso del mondo celtico cisalpino e comprende circa sessanta persone unite dal comune amore per le Highlands, la loro cultura, la loro storia, ma che nel contempo vanno alla ricerca di quei legami fatti di tradizione e leggende che uniscono l’antica cultura celtica italiana e quella delle terre celto-norvegesi. Benché la zona di attività sia il Passo del Brallo (Oltrepò Pavese) sul versante lombardo dell’Appennino ligure, il gruppo riunisce persone da Liguria, Piemonte, Lombardia ed Emilia Romagna. Nel giro di pochi anni la Compagnia è cresciuta molto nella ricostruzione storica e nelle attività di animazione, diventando partner prezioso di molti festival. A Trigallia 2005, insieme alla teuta Zingèl de Bedo e al Popolo di Brig hanno animato il villaggio celtico con gli Antichi mestieri, portato alcune conferenze e piantato le tende per l’intero periodo del festival nell’accampamento storico.